Mappare la Circular Economy

Trace nasce con l’obiettivo di mappare e raccontare la Circular Economy.

Trace intende raccogliere idee, progetti o iniziative già consolidate, che abbiano sposato il paradigma dell’economia circolare, superando il tradizionale modello lineare take-make-consume-dispose, per sperimentare nuovi modelli di crescita e sviluppo sostenibile.

Trace nasce in una logica evolutiva, costantemente in aggiornamento, mirata a coinvolgere e far incontrare visionari, pionieri e first mover della Circular Economy, siano essi tecnici, professionisti, accademici, amministratori pubblici, startupper, imprenditori o grandi imprese.

Trace è una piattaforma utile a comprendere le dinamiche che delineano lo scenario strategico della Circular Economy e tenere traccia delle iniziative di maggior impatto, sia esso economico, sociale o ambientale. In concreto, il duplice target di Trace è rappresentato da:

  • Professionalità: esperti, professionisti, docenti, ricercatori, studenti, giornalisti e influencers che hanno studiato, approfondito, applicato, divulgato il tema dell’Economia Circolare (Call for Talents);
  • Progettualità: startup, PMI, grandi aziende, associazioni, università, istituzioni e chiunque abbia concretamente realizzato iniziative grandi o piccole in materia di Economia Circolare (Call for Initiatives).

Trace nasce con l’obiettivo di avviare un costante monitoraggio delle esperienze candidate rendendo Trace un osservatorio privilegiato sugli ambiti di interesse, i trend emergenti, i fattori chiave delle esperienze di successo e gli elementi di innovazione più rilevanti, anche attraverso la pubblicazione periodica di infografiche, rapporti, analisi, finalizzati alla messa a fuoco e alla divulgazione di attività virtuose e best practice.

Trace, infine, punta a diventare luogo d’incontro fisico e virtuale per tutti i protagonisti della Circular Economy in Italia, offrendo importanti opportunità di conoscenza, condivisione, collaborazione e networking.